RPM&YUM per OS/2

Versione: 
4.13.0 & 3.4.3
Data rilascio: 
Venerdì, 9 Giugno, 2017

Licenza:

Interfaccia:

Authors/Port authors:

Package Manager (RPM) è un potente sistema di gestione pacchetti a linea di comando in grado di installare, disinstallare, verificare dipendenze ed aggiornare pacchetti software. YUM è invece un installatore/disinstallatore automatizzato pensato proprio per sistemi basati su pacchetti RPM.

L'Arca Noae Package Manager, infine, è una interfaccia grafica che permette di gestire agevolmente i pacchetti RPM.

Questo software è distribuito con due modalità:
  • come pacchetto compresso, da scaricare e installare manualmente; se ci sono prerequisiti da soddisfare, andranno anch'essi scaricati e installati manualmente;
  • come pacchetto RPM, installabile tramite il gestore pacchetti rpm preferito, che provvederà a scaricare e installare sia il software che gli eventuali prerequisiti.
Scegli la modalità di installazione che preferisci, tenendo conto del fatto che non tutte le versioni del software sono disponibili per entrambe le modalità.

Installazione con rpm

Questo programma si può installare usando il gestore pacchetti rpm. Vedi sotto per la stringa di installazione. I prerequisiti richiesti sono gestiti dal gestore pacchetti e, se necessario, scaricati e installati automaticamente.

rpm-4.13.0-16.oc00 (09/06/2017)
Repository: Netlabs stable
Installa con ANPM o lanciando il comando:
yum install rpm
yum-3.4.3-10.oc00 (09/06/2016)
Repository: Netlabs stable
Installa con ANPM o lanciando il comando:
yum install yum

Installazione manuale

Pacchetto autoinstallante WarpIN. Vedi sotto per il(i) link di download e istruzioni dettagliate di installazione. Il pacchetto RPM-YUM "i386" è per generiche architetture i386, mentre il pacchetto "p4" è per PC moderni basati su processore Pentium 4 o superiore.

Al termine dell'installazione, il pacchetto WarpIN può essere rimosso.

CONSIDERAZIONI E SUGGERIMENTI PER RPM-YUM:

Selezionando un disco di destinazione per l'installazione, considerare quanto segue:

  • Il disco di destinazione dovrebbe essere abbastanza grande per installare tutto il software necessario al repository RPM. Una buona stima è di circa 5G di spazio libero (tale stima considera i rilasci futuri in formato RPM di applicazioni come Java, OpenOffice e così via). Se si vuole sviluppare, si dovrebbe raddoppiare questa stima (in modo da poter integrare il compilatore ed i vari frameworks).
  • L'installer genererà un ramo directory Unix semplificato sul disco di destinazione. Questo singolo ramo sarà usato da tutto il software portato da Unix/Linux e distribuito con RPM.
  • E' una buona idea selezionare il volume di avvio come disco di destinazione dell'installazione RPM (considerando che sia abbastanza grande). In questo modo, tutti i componenti di sistema, inclusi quelli installati dai repository RPM, risiederanno su un singolo disco e non interferiranno con i vostri dati personali (o con installazioni personalizzate basate su archivi ZIP), questi ultimi, in particolare, sarebbe più appropriato installarli su una partizione separata.
  • Installare RPM e l'albero Unix in una sottodirectory non è stato testato molto, quindi non è ancora possibile.

Avviare l'installazione WPI e seguire attentamente le istruzioni a video, in breve:

  • Al termine dell'instalazione del pacchetto WarpIN, è necessario riavviare il sistema per validare le variabili e le modifiche apportate ai files di configurazione.
  • Al successivo riavvio, collegarsi alla rete internet, aprire la finestra comandi creata dall'installazione del bootstrap di yum (cartella ora presente sulla scrivania) e digitare al prompt il comando 'yum install yum' (che garantisce l'installazione del'ultima versione aggiornata disponibile di RPM/YUM per OS/2 ed eComStation e contemporaneamente la generazione del ramo Unix di base sulla radice del disco scelto per l'installazione).
  • Al termine dell'installazione via internet, il pacchetto di transizione WarpIN di yum può essere disinstallato, operazione fortemente consigliata, perchè il bootstrap fondamentalmente ha solo una funzione transitoria ed utilizza percorsi differenti e librerie e strumenti che potrebbero non essere allo stesso livello dell'ultima versione disponibile appena installata via internet, inoltre, non si incorre nel potenziale rischio di utilizzare la finestra comandi del pacchetto bootstrap per l'installazione di altro software!
  • A questo punto è possibile gestire il/i repository RPM da una finestra comandi (leggere la documentazione al riguardo) ed iniziare ad installare il software desiderato.
  • E' utile provvedere quanto prima all'eliminazione di evenuali ridondanze (runtime e librerie varie) installate precedentemente con altri tipi di installer ed ubicate in altri percorsi del filesystem, per garantire l'unicità dei componenti e non compromettere la stabilità del sistema o il mancato avvio delle applicazioni!

Qui di seguito trovi i link di download per l'installazione manuale del software:

RPM-YUM ver. 1.5 (i386)  - 26/08/2016

Altri download

RPM-YUM ver. 1.5 (p4)  - 26/08/2016
Scheda aggiornata l'ultima volta il: Mar, 20/02/2018 - 13:57

Aggiungi un commento

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.